Il ministro Franco: «Ora l’ok al G20 di Venezia, per l’attuazione alcuni anni»

Per l’Italia l’accordo di principio sulla minimun tax raggiunto al G7 di Londra rappresenta un successo politico e un’entrata potenziale da 2,7 miliardi di euro. Ma mentre il primo è sicuro, rafforzato dal fatto che il cambio di rotta statunitense alla base dell’intesa si è sviluppato nel corso della presidenza italiana del G20 e dovrebbe sfociare in un accordo più ampio nella riunione veneziana dell’8-11 luglio, il secondo è futuribile. E per essere tradotto in pratica ha bisogno di passaggi operativi complicati quanto essenziali sull’adesione effettiva dei diversi Paesi controinteressati, sul rapporto fra aliquote legali e aliquote reali e sui meccanismi di raccolta e distribuzione del deficit fiscale a carico delle multinazionali interessate.

Sabato è stato il giorno dei festeggiamenti politici. Il premier Mario Draghi parla di «passo storico», il commissario Ue Paolo Gentiloni lo definisce «accordo globale senza precedenti» e il ministro dell’Economia Daniele Franco si dice fiducioso sul fatto che a Venezia «si troverà un’intesa anche a livello di G20». Ma l’attuazione, ha riconosciuto Franco, richiederà «alcuni anni». A calcolare i possibili effetti sui conti pubblici dei diversi Paesi è l’Osservatorio fiscale europeo, l’organismo lanciato dalla commissione circa un anno fa e non a caso presentato ufficialmente il 1° giugno, alla vigilia dell’atteso accordo «storico» di Londra. Le preferenze dell’organismo, che ha sede a Parigi ed è diretto dall’economista francese Gabriel Zicman, sono orientate a un’aliquota del 25%, che offrirebbe un gettito più consistente.

Fissando al 15% il pavimento fiscale per le multinazionali, nei calcoli dell’organismo parigino l’Europa riuscirebbe a raccogliere 48,3 miliardi di euro, mentre negli Stati Uniti il conto si attesterebbe a 40,7. La fetta più ricca della torta fiscale europea spetterebbe al Belgio (10,5 miliardi), che però proprio sulle tasse ultraleggere per le multinazionali basa la propria politica fiscale aggressiva, finita più volte al centro delle accuse comunitarie, e con Olanda, Irlanda e altri Paesi alza gli ostacoli principali all’applicazione effettiva dell’accordo di ieri.

Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *